Venerdì, 25 Novembre 2022 10:55

Storia della Comunità SSS di Cali Colombia

Cosa chiedevano i tre religiosi SSS (Juan Echevarría, José Miguel Larrañaga, Luis Otaegui) che volevano andare in Colombia?

  • Vivere un'esperienza di inserimento tra i poveri, i più poveri.
  • E vivere in una comunità religiosa SSS il più possibile omogenea.

Il religioso, che fu invitato a vivere questa esperienza, aveva partecipato come missionario alla preparazione del Congresso Eucaristico Internazionale tenutosi nella città di Bogotá nel 1968. Ben consapevole dei problemi delle numerose popolazioni che aveva incontrato, pensava alla città da Cali. Una città che in due anni era passata da 200 a 800mila abitanti.

Rifiutando la proposta del vescovo di Cúcuta, si recò a Cali con degli obiettivi ben precisi e con pochi soldi in tasca. Avanti per l'avventura!

Sarei ingrato se non citassi qui un ricordo delle Religiose della Beata Madre Laura (le Lauritas, come sono chiamate qui), una comunità dove il nostro missionario aveva soggiornato in occasione della missione del suddetto Congresso Eucaristico. In seguito egli vi ritornò. Le suore furono ancora come madri, non solo per questo religioso, ma per tutti i religiosi SSS che da allora sono passati di là.

Inutile dire che questo religioso era in costante comunicazione con coloro che erano coinvolti in Spagna su ciò che stava accadendo e sui passi che aveva compiuto.

Giunto a Cali, si è recato negli uffici dell'Arcidiocesi, e il sacerdote che lo ha accolto è risultato essere il Vicario Pastorale dell'Arcidiocesi, al quale ha presentato il motivo della sua presenza: “quattro religiosi SSS chiedono di aprire un comunità sacramentina qui nell'Arcidiocesi”.

Il sacerdote rispose immediatamente: “Questo non dipende da me, devi parlare con l'Arcivescovo”. Dopo avere presentato una richiesta pertinente il religioso è stato convocato per il giorno successivo. L'Arcivescovo, Mons. Alberto Uribe Urdaneta, lo ha accolto molto benevolmente e il religioso gli ha spiegato il motivo della sua presenza: “Siamo quattro religiosi: due sacerdoti e due religiosi professi perpetui, non ancora sacerdoti. Siamo stati informati della mancanza di clero a Cali e vorremmo aiutarvi fondando una comunità SSS nell'Arcidiocesi”.

“Noi vi chiediamo di mandarci nel quartiere più grande e povero della città; di accettare la condizione che, se in qualsiasi momento non ci desiderasse più nell'Arcidiocesi, ce lo dirà con un anno di anticipo. Allo stesso modo, se un giorno noi volessimo partire, la avvertiremo con un anno di anticipo. Vi proponiamo anche che tutto ciò che facciamo a beneficio della comunità umana in cui ci troviamo, costruzioni, ecc. rimarrà a beneficio dell'Arcidiocesi.”

Udito tutto questo, l'Arcivescovo ha detto: “È curioso! alcuni fratelli sono appena partiti da qui dopo avermi chiesto il quartiere più grande e più ricco, e tu mi chiedi il quartiere più grande e più povero”.

Continua…

Padre Lucinio Martin Herrero, sss
Colombia-Perù, NOTIBIP 85 - Ottobre 2022

Ultima modifica il Venerdì, 25 Novembre 2022 11:19
Altro in questa categoria: « PROFESSIONE PERPETUA IN SRI LANKA