I luoghi eymardiani

Fr Eymard4

 

Pier Giuliano Eymard era un pellegrino per tutta la vita. Ha percorso lunghe distanze a luoghi che lo hanno portato più vicino a Dio. Il potere di questi luoghi è rimasto con lui e lo ha portato indietro, per riflettere e pregare, per rendere grazie e per essere rinnovato dalla sua esperienza di Dio.

I luoghi eymardiani sono luoghi dove Eymard trovò Dio. Sono anche luoghi in cui possiamo trovare Eymard nelle chiese e nei santuari che amava, nei villaggi e nelle città in cui ha vissuto e lavorato e dove si sono verificati eventi importanti nella sua vita.

Per un trattamento esteso dei luoghi eymardiani, una risorsa on-line di informazioni è disponibile sul sito web: www.eymardianplaces.com.

 

La Mure è il paese natale dove P. Eymard è cresciuto. La Cappella ricorda il suo battesimo, la cresima, la sua pietà eucaristica, la predicazione ed i suoi funerali. C’è poi la sua casa natale, al 69 della rue de Breuil, oggi sede di una esposizione permanente e la casa dove P. Eymard ha vissuto e dove è morto, al 67 della rue de Breuil. Ancora, ci sono il calvario, le tre croci; la tomba di P. Eymard e delle sorelle all’entrata del cimitero e infine altri ricordi.

La Mure TownEymard ChapelLaMure House Expo

“Di certo che non dimentico La Mure e le sorelle. Se fossi libero, verrei subito a trovarvi e a respirare la buona aria delle montagne; ma per ora il Buon Dio non lo vuole, più tardi ci vedremo.” (CO 77,1)

LaMure baptismalFontLa Mure CalvaryLaMure Tomb

 

“Pregherò per La Mure, per il successo del giubileo, perché si ama sempre il proprio paese.” (CO 288,1)

“Prego molto per La Mure perché il Buon Dio la faccia santa e felice.” (CO 308,1)

 

Notre Dame du Laus

Notre Dame du Laus statue

 

 

 

 

Madonna del Laus è il luogo del primo pellegrinaggio (a 11 anni) e di molte altre visite. Il P. Eymard scriverà che quello è il luogo “dove per la prima volta ho conosciuto ed amato Maria” (CO 119).

 

 

 

 La Salette: si trova a 40 km da La Mure. Il 19 settembre 1846 la Madonna appare a due poveri pastorelli (Melania e Massimino). La notizia si diffonde rapidamente e il Padre credette fin dall’inizio a questa apparizione. A La Salette è andato una decina di volte e vi ha pure predicato.

La Sallete2

 

 

  

“Date sempre dell’acqua de La Salette con fede e devozione, e la Madonna farà il resto.” (CO 792,1)

“Eccomi a La Salette, ai piedi della Madonna; sono dieci anni che vengo a mettere ai suoi piedi il progetto della Società, ed è giusto che ne venga a offrirle il primo frutto.” (CO 1257,1)

 

 

 

 

Auris

 

 

Auris, è il luogo d’origine del signor Giuliano Eymard, il padre di Pier Giuliano. Nel 1785, a vent’anni, sposa Jeanne-Marie Caix da cui avrà 6 figli.

 

 

 

Le Freney è il luogo di nascita di Maria-Maddalena Pelorce, che il sig. Eymard sposa in seconde nozze nel 1804.

  

Monteynard

 

 

 Monteynard: a 26 anni, pieno di zelo, il Padre Eymard è nominato parroco di Monteynard, 450 abitanti, distante una quindicina di km da La Mure. Attualmente abbiamo ancora il coro della chiesa del tempo di P. Eymard, con un altare, alcuni candelabri e il carro comperato dal P. Eymard per le processioni con la statua della Madonna.

“Lascio Monteynard nelle mani di Dio.” (CO 8,1)

 

 

 

Notre Dame de lOsier1

Notre Dame de lOsier2

 

 

Notre-Dame de l’Osier: il P. Eymard vi celebra la sua prima messa, il 22 luglio 1834.

“Mi hanno detto che eravate stato alla Madonna de l’Osier. Spero che la Madonna, alla quale vi ho consegnato, vi otterrà grandi grazie.” (CO 8,1)

 

 

 

 

Chatte1

Chatte2

 

 

Chatte: il P. Eymard vi è rimasto in parrocchia per tre anni come viceparroco (1834-1837). C’è ancora la casa parrocchiale e l’indicazione (una targa) dove si trova la camera che occupava.

“Da quanto tempo desidero rivedere questo caro paese di Chatte e di Saint-Romans!” (CO 1966,1)

 

 

 

Saint Romans

 

 

 

Saint-Romans: la cappella ed il calvario sono testimoni della grazia di una profonda conoscenza dell’amore di Dio. A Calet, nella stessa zona, c’è la casa della signora Jordan ed il cedro del Libano.

“Quando l’anima ha la gioia di trovare questo posticino, la preghiera diventa piuttosto contemplazione deliziosa, e l’ora passa presto. Ah! Cara figlia, quanto vi auguro e desidero di gustare spesso Dio! Se ne risente a lungo: questa è la mia roccia di Saint-Romans.” (CO 2011,1)

 

 

 

Grenoble former seminary

Grenoble Chapel of Adoration

 

 

Grenoble: vi si trovano la Cattedrale con l’altare dove P. Eymard è stato ordinato prete (20 luglio 1834) ed una statua; la collocazione del vecchio seminario con la sua cappella (oggi è un luogo di accoglienza per studenti e centro culturale Olivier Messiaen). C’è la cappella per l’adorazione dove il 21 luglio 1868, il Padre ha celebrato la sua ultima messa.

 

“Conferenza al Seminario maggiore di Grenoble sulla fede. Diventate uomini di fede. Non vi meravigliate di questa proposta: gli uomini di fede sono rari. Parlo di una fede positiva, privilegiata.” (PE 18,1)

 

 Lione: in questa città vi sono parecchi luoghi importanti.

- La Puylata, casa provinciale della Congregazione di Maria, dove P. Eymard predicava al Terz’Ordine di Maria.

“Primo giorno del mese di Maria – Prima meditazione: Maria è mia madre: Gesù mi ha dato Maria per madre, quanto è buono! Per avermi dato una sì potente e sì tenera Madre!” (PT 169,1)

- La casa di Pauline Jaricot e il centro di evangelizzazione dove il P. Eymard animava la preghiera ogni settimana.

“Quando la signorina Jaricot mi domandava di predicare, per me era un piacere, una gioia parlare di santa Filomena.” (PS 169,1)

Cathedral of St John Lyon

 

 - La cattedrale di S. Giovanni, testimone della spiritualità giovannea del P. Eymard nel mondo spirituale di Lione..

“Non so se oggi farete una bella processione: questa mattina ce ne fu una magnifica alla cattedrale. Lione è molto tranquilla.” (CO 200,1)

- La chiesa di S. Paolo: il 25 maggio 1845, quando presiede la processione del Corpus Domini, il P. Eymard riceve conferma di un’attrazione.

“Le processioni del Corpus Domini sono state, si dice, ammirevoli per il raccoglimento: il popolo ha ancora la religione nel cuore” (CO 56,1)

 

  

Fourvière Church1

- Fourvière : è il luogo dove il 21 gennaio 1851 il P. Eymard ricevette una ‘grazia di vocazione’, una chiamata a lavorare per stabilire un corpo di uomini per l’adorazione riparatrice.

“Fourvière è per lui una parola di speranza e di salvezza; vi si reca per raccontare il segreto delle sue pene, vi porta la sua croce e ne ritorna sempre consolato.” (PG 171,8)

“Oggi sono 13 anni che nostro Signore a Fourvière si degnò di darmi il pensiero bello e amabile del SS. Sacramento. Ne sia sempre lodato e benedetto!” (NP 24,1)

Eymard facade of the basilica

 Fourvière Church2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- La Cappella dell’ospedale in piazza Bellecour dove incontrò Margherita Guillot.

«Ti mando la strenna: i due consigli del Terz’Ordine di Maria vi hanno ricevuta, e per grazia, già subito, invece di dilazionare ancora di un mese. Spero che questo titolo di Figlia di Maria, aggiunto ad altri titoli, vi faranno molto riconoscente verso questa buona Madre, che vi vuole ricevere nella sua famiglia.” (CO 64,1)

- Il Prado di P. Chevrier che più volte ha avuto contatti con il P. Eymard sull’opera della prima Comunione, e sulla possibilità di unire le loro opere.

“Amo quest’opera delle Prime comunioni, opera regale delle nozze eucaristiche a Lione, sarà bella!” (CO 1020,1)

- La chiesa di Saint-Martin d’Ainay: è la più antica chiesa di Lione, situata presso la rue de Castries (casa della signora Jordan). Il P. Eymard vi ritrovava gli amici lionesi quando vi celebrava la messa.

Lettera a Natalie Jordan: “Passando vi benedirò, spiacente di non potere vedervi; perché se avessi tempo sarei felice di dire la santa messa a Ainay.” (CO 780,1)

 

Saint Bonnet le froid

 

 

Saint-Bonnet-le-froid: residenza del signor Blanc di Saint-Bonnet, filosofo, scrittore e amico del Padre. In questa residenza incantevole il P. Eymard fu accolto nel mese dell’ottobre 1863 per potersi dedicare in piena tranquillità alla redazione delle regole per i suoi due istituti.

“Sono rimasto un mese sulla montagna di SaintBonnet-le-Froid, presso il signor Blanc de SaintBonnet. Vicino al SS. Sacramento, in solitudine la più completa, ho terminato le costituzioni.” (CO 1318,1)

 

 

Statue of Emilien Cabuchet

 

 

 

Ars: il paese del santo Curato d’Ars, amico del P. Eymard. Nella sacrestia della Basilica, dove il santo Curato confessava gli uomini, avvenne l’ultimo incontro; erano i primi giorni del maggio 1859.

“Sapete ciò che c’è di grande in Francia in questi giorni? Un povero curato di campagna che fa miracoli, il Curato d’Ars! Non oserei dire che è mio amico, è troppo santo per dirlo!” (PO 20,27)

 

 

 

 

Belley

 

 

Belley: in questo luogo il P. Eymard ha vissuto dal 1840 al 1844, come direttore spirituale del collegio marista. 

“Spesso ringrazio nostro Signore di avermi fatto la grazia di esercitare il santo ministero su giovani e fanciulli; è un ministero il più meritorio e il più consolante. Si preparano i preti per la Chiesa, si può accudire agli alunni con l’assiduità di una madre.” (CO 42,1)

 

Saint Chamond

 

  

 

Saint-Chamond: dove il P. Eymard ha predicato la Quaresima del 1851 e del 1856. Nella cappella del collegio Sainte-Marie si trova la statua della Madonna di Valbenoȋte, quella dell’inondazione del 1849.

“Io vi ringrazio per le preghiere per il mio Giubileo di Saint-Chamond; il buon Dio l’ha benedetto al di sopra di ogni speranza: la sua grazia è potente!” (CO 263,1)

 

 

 

Lantignié: luogo della fondazione delle Adoratrici di Gesù Ostia di Suor Benedetta.

“Sono felicissimo della bella notizia della cappella di Lantignié, sarà una benedizione per la famiglia e per il villaggio!” (CO 1508,1)

“Sono atteso a Lantignié; è un viaggio a tempo perduto di fronte al maestro. Il tuo dovere è quello di rimanere nelle case per insegnar loro la vita interiore e la carità.” (NP 28,1)

 

Chaintré

 

 

 

Chaintré: luogo dove il P. Eymard passò gli ultimi mesi della vita di Marista (1855-1856).

“Il Padre Favre, ai piedi del Papa, dimentica la mia domanda… a Chaintré ho pregato… ho sentito in me qualcosa di tanto forte e chiaro che ho domandato… la dispensa dei voti; e vedendo la mia ferma determinazione, mi è stata concessa.” (CO 607,2)

 

La Seyne sur mer

 

 

La Seyne-sur-mer (Toulon): a la Seyne-sur-mer P. Eymard è superiore del collegio marista (1851-1855). Nel ringraziamento dopo la messa del 18/19 aprile 1853, il P. Eymard comprende di doversi dedicare totalmente all’opera del SS. Sacramento.

 

“Un po’ avete indovinato, ma non tutto: si tratta di fondare l’ordine del SS. Sacramento, questo è il grande pensiero.” (CO 405,1)

 

 

  

Villa Chateaubriand

Church avenue de Friedland

 

Paris: luogo della fondazione (13 maggio 1856). Il P. Eymard vi ha vissuto per dodici anni.

“Infine, dopo dodici giorni di attesa, di preghiera, di lacrime e abbandono, la prova è finita: per due volte mi è stato risposto che si credeva che la volontà di Dio fosse che io mi dedicassi all’opera del SS. Sacramento. … Mons. l’Arcivescovo di Parigi [MD. Sibour] ha accolto quest’opera con grande piacere, le ha dato l’approvazione con una benevolenza che ci ha sorpreso. Mons. di Tripoli [Leon Sibour] che è suo Superiore ecclesiastico e che ha dato ogni potere.” (CO 572,1)

 

Angers

 

 

Angers: luogo della terza comunità dei religiosi del SS. Sacramento e luogo della fondazione canonica delle Ancelle del SS. Sacramento (26 maggio 1864).

“Siate le benvenute! Voi venite chiamate da Dio ad elevare un nuovo trono a nostro Signore, ad accendere qui il primo fuoco che deve dilatarsi e non spegnersi se non alla fine del mondo. Siate benedette! Voi siete state scelte come prime per iniziare questo nuovo Cenacolo, siatene felici. Voi avete ricevuto la prima grazia, siatele fedeli!” (CO 1391,1)

 

 

 

Brussels: è il luogo di due comunità di Religiosi, una nel 1866 e l’altra nel 1867.

“Oh! Come sono contento! Nostro Signore ha un trono nuovo nella capitale, non si veniva più, e invece ora la nostra chiesa è piena al centro della capitale. … E sapete che il giorno del nostro arrivo a Bruxelles sono entrati cinque novizi? Ora domandate alla Madonna di avere un mazzolino di adoratrici.” (PS 575,3)

Bruxelles1

Bruxelles2

Bruxelles3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Marsiglia: luogo della seconda comunità

“Da quando non vi ho scritto, sono stato a Marsiglia, a mettere in moto la nostra piccola fondazione; vi ho lasciato tre preti, un ecclesiastico e due fratelli: in tutto sei. Hanno l’esposizione quotidiana; un gran numero di persone devote seguono l’adorazione.” (CO 919,1)

 

Chasselay (Rhône): luogo di nascita di Margherita Guillot (4 dicembre 1815)

 

Saint Maurice2

Saint Maurice1

 

 

Saint-Maurice: luogo del primo noviziato (1866)

“Abbiamo pure una grande consolazione in arrivo, abbiamo la speranza di aprire il nostro noviziato a Saint-Maurice alla fine del mese, speravo di aprirlo ieri, ma non era pronto. Nostro Signore sarà su un trono che sarà il migliore di tutti, non abbiamo case che in città, là ci sarà il noviziato, calmo, tranquillo.” (PS 601,3)

 

 

 

St Peters Rome

San Claudio Rome

Rome: c’è una guida “A Roma con il P. Eymard”, sotto forma di un libretto che presenta i luoghi eymardiani.

“Cari fratelli, niente di più bello come quest’oggi a Roma. Cento anni fa un Papa fece aprire la tomba di S. Pietro, e da allora è là, il Santo Padre ha voluto che queste reliquie escano dal loro tesoro, cosa mai avvenuta e oggi ci sono seicento vescovi a Roma per glorificare S. Pietro e Pio IX perché S. Pietro vive in Pio IX.” (PS 627,1)

 

Vai a:  www.eymardianplaces.com